Calze a maglia, la saga continua

(UPDATE alla fine del post :)

Ho cominciato a fare un altro paio di calze a maglia, ispirata da un’offerta della Lidl di Copenaghen che questa settimana vende set da 4 gomitoli di filato per calze + le istruzioni per farle a maglia. Costava talmente poco che ho pensato di riprovarci.

Qua sopra vedete i primissimi step del lavoro. Usare il gioco di ferri sembra difficile ma in realtà non lo è! Se vi interessa imparare ma non avete madri/nonne/amiche etc. a cui chiedere aiuto, questo è uno dei tutorial migliori che ho trovato per imparare a usare i ferri da calza. E’ il tutorial di un blog americano, ma se non masticate l’inglese potete guardare i link in italiano che ho aggiunto alla fine di questo post.

Qui sotto vedete un’altra fotografia del lavoro all’inizio, stavolta senza filtri così riuscite a vedere il colore del filato, un blu cangiante che mi piace molto. Peccato che la qualità lasci molto a desiderare…però per imparare non mi metto certo a usare costosissimi gomitoli di cachemire :) Quelli della Lidl vanno benissimo.

Fino a qui tutto bene…il divertimento inizia con il tallone. Le mie istruzioni della Lidl sono terribili quando spiegano cosa fare a questo punto. Quindi mi sono messa alla ricerca di risorse online e le riporto tutte qui sotto (ok mi rendo conto che questo post sta prendendo una piega da nerd della calza…).

Prima di tutto dei meravigliosi video inglesi!! Ho trovato su YouTube una signora del Lancashire che è davvero brava a spiegare come sferruzzare le calze. Non so quanto sia chiaro per principianti assoluti, ma a me i suoi video sono serviti molto.

Ad esempio il suo: Il tallone: come fare. Oltre a questo la stessa signora ha caricato altri video che spiegano tutti gli step necessari per fare le calze.

Questo invece è un link utile se come me seguite un modello abbastanza “flessibile”: le tabelle presentate vi spiegano come calcolare i punti per realizzare il tallone: Heels by number.

Ecco a che punto sono arrivata finora grazie ai video della fantastica Dorret:

Questa volta devo farcela a finire le calze! Prima di tutto perché era uno dei propositi dell’anno scorso, presto accantonato per la frustrazione. E secondo perché fare le calze mi piace. E’ rilassante ed è un lavoro comodo da portare in giro. E dato che siamo sottozero da due settimane le calze calde non sono mai abbastanza.

Eccovi anche alcuni link in italiano:

Calzini a coste (schema in italiano)

Tutorial calzini bimbi + spiegazioni su tecniche per fare il tallone (in italiano)

E mentre sono alle prese con le calze mi piace ascoltare podcast.  Adoro quelli in inglese di Diane del blog CraftyPod. Diane vive a Portland e intervista vari personaggi del mondo del craft. Eccovi il link, consigliatissimo! Purtroppo la serie è appena terminata, e a quanto pare non verrà più ripresa. Peccato. Sul suo sito potete comunque trovare tutti gli episodi. Avete podcast/trasmissioni radio da consigliarmi? Cerco sempre nuove idee!!

Questo è tutto, buon weekend!

—————————————-

UPDATE! Ecco il link al mio post più recente sulle calze a maglia, con dei link e delle risorse molto migliori :)

13 thoughts on “Calze a maglia, la saga continua

  1. io ci ho provato svariate volte nella vita ad imparare a fare la maglia… migliaia..e altrettante ho dimenticato come si fa! Credo di essere un caso senza speranza! :P
    Però le tue calze in progress sono bellissime!

      1. Ciao…. con il tuo post ho sorriso tanto. Ho capito che questa “missione calza” ti sta impegnando e sono sicura che ne uscirai vincitrice. Mi raccomando aggiorna i tuoi progressi perchè voglio vedere il risultato finale. E comunque complimenti anche perchè io con i ferri, ahimè, non vado d’accordo. A presto!

      2. Sicuramente aggiornerò i progressi…per ora ti anticipo che son riuscita a trasformare i lati del tallone in una massa informe. MAI fare a maglia dopo la mezzanotte :) Vedremo…

  2. Spero che finalmente le hai finite. Io quest estate ho avuto una maestra eccezionale un anziana signora di 82 anni che crea un paio di calze ogni 2giorni e ha avuto la pazienza di insegnarmi non e stato facile sopratutto il tallone ! Sta diventando un arte e non si trova quasi più nessuno che le sappia fare o insegnare e più facile comprare ma vuoi mettere la soddisfazione di indossare le proprie calze con lane e colori personali

    1. Ciao Fiorenza! Scusa per il ritardo nella risposta. Questa signora ha una velocità incredibile…ma in effetti una volta che ci si prende la mano è un processo molto abbastanza veloce e anche rilassante. Il tallone lo trovo ancora molto complicato! Qui in Danimarca sono in moltissime a fare la calza, a qualunque età. Hai ragione, è proprio bello indossare calze belle calde fatte a mano.

Your comment here ✎

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...