Guida alternativa a Copenaghen: Nørrebro

Ecco un’altra mini guida a Copenaghen. Questa volta è un guida “alternativa” e si concentra su uno dei quartieri più multietnici e (ahimè) più hipster: Nørrebro. Che è anche la zona in cui vivo! Nørrebro è poco distante dal centro storico, e ci si arriva attraversando il Dronninge Louise Bridge, ribattezzato di recente Hipster bridge. Oppure prendete la metro fino alla fermata FORUM.

Questa miniguida è organizzata in 5 parti (e 1/2): birra, cibo etnico, negozi vintage e dell’antinquariato, laghi e parchi….tutto ciò che fa di Nørrebro un quartiere delizioso. Ho aggiunto anche un paio di suggerimenti per uscire a ballare.

Se venite a Copenaghen muniti di una qualunque guida potete leggere la storia di questo quartiere, che sorvolo per passare direttamente al sodo.

Nørrebro, specie la zona intorno a Blågårdsgade, Elmegade e Sankt Hans Torv, è un posto fantastico per uscire a bere una birra. Vi raccomando la birreria artigianale locale, Nørrebro Bryghus (dove potete anche mangiare), ma preparatevi a dei prezzi da birreria artigianale. Se volete fare una partita di biliardo e curare anima e corpo potete andare all’Apotek (che significa farmacia), dove la cura consiste prevalentemente in una selezione di birra estremamente curata. E’ un locale storico del quartiere e ogni sera si ascolta musica dal vivo. Infine se vi piace il genere jazzista malinconico infilatevi dentro A Kind of Blue (sotto, foto Politiken) perfetto anche per bere un caffè in relax. Anche lì organizzano spesso concerti e reading di poesia.

SHOPPING: Nørrebro è perfetto se vi piace rovistare tra i negozietti dell’antiquariato, ne trovate moltissimi in Ravnsborggade (gade = via :). Cliccando sul nome della via potrete vedere il mini sito dedicato, con informazioni su negozi e mercatini. A Blågårdsgade trovate alcuni negozietti vintage e dell’usato, e nelle vicinanze vi raccomando un negozio dell’usato diretto da ragazzi giovanissimi, Gemmeren in via Fælledvej 9 (tutto il ricavato va in beneficenza e i ragazzi sono volontari). Troverete di tutto, dai vinili alle scarpe a un mare di vestiti. C’è pure un divanetto dove è possibile rilassarsi e bere un caffè. Lo vedete qui sotto (foto netpub):

Per lo shopping “nuovo” vi do un indirizzo per tutti, uno dei mie posti preferiti: Urban Room. Vende abiti, accessori, accessori per la casa, stampe, cartoline, gioielli…impossibile uscire di lì a mani vuote!

CIBO: A Nørrebro è facile trovare qualcosa di buono (ed economico) da mangiare. Se vi piace il kebab e il falafel avrete l’imbarazzo della scelta! A noi piace molto Ahaaa (un nome più assurdo non potevano trovarlo), dove troverete anche una varietà di specialità mediorientali e opzioni per vegetariani. Carino anche l’arredamento! Per gli amanti del sushi l’indirizzo è solo uno, Selfish in Elmegade. Aperto da un giapponese qualche anno fa, ha un arredamento minimale ed è un locale piccolissimo. Infine se vi piacciono gli hamburger (anche vegetariani) o se volete una bella insalatona o un mega cappuccino (sigh) dovete assolutamente provare Laundromat Cafè, aperto da islandesi (!) e corredato di una marea di libri usati da leggere, giochi in scatola e giornali e alcune lavatrici per fare il bucato. Foto sotto da Politiken.

Infine i LAGHI, ideali per una passeggiata sotto il sole! Lo ammetto, sembrano più un canale, ma sono proprio dei laghi artificiali. Potete percorrerli tutti fino a Vesterbro (il quartiere hip più a ovest). State attenti ai joggers, che in queste zone sono molto aggressivi. Non si fermano davanti a nulla e a nessuno. Vedrete joggers con neonati nella carrozzina da jogging, joggers che si contendono la pista ciclabile coi ciclisti (altra categoria aggressiva in città). Questa è una delle mille foto che ho scattato intorno ai laghi – i lettori di questo blog le conoscono bene :)

Un must di Nørrebro è sicuramente un giro al cimitero, l’Assistens Kirkegård dove sono sepolti Andersen e Kierkegaard. E’ un parco molto bello e vi troverete, tempo permettendo, molti joggers (pure lì) e gente di ogni età che fa picnic sotto gli alberi. C’è pure un piccolo e macabro museo della morte! Date un’occhiata a un vecchio post che ho scritto sull’Assistens qui. E l’altro parco da vedere è il Superkilen, un parco urbano realizzato da un collettivo di artisti danesi, i SUPERFLEX. Lo trovate nella parte medio alta di Nørrebrogade. Veduta aerea qua sotto (da colorstudio.inc.blogspot):

Nelle vicinanze si trova anche un piccolo skatepark e diversi campi da calcio, basket, pallavolo etc.

L’ultima voce della mia lista è dedicata ai club. Se vi piace la musica elettronica/dance/hip hop e NON siete claustrofobici il posto che fa per voi è RUST. Altrimenti Stengade è un’ottima alternativa (prevalentemente reggae). Entrambi hanno prezzi bassi! Le discoteche e i locali per ballare si trovano prevalentemente in altri quartieri (il centro e Vesterbro). Nørrebro ha moltissimi bar in compenso.

Questo è tutto! E se volete leggere un libro ambientato proprio nel mio quartiere vi consiglio Assassinio di Lunedì di Dan Turell, edito da Iperborea. Un ottimo giallo in stile pulp che vi farà sorridere, scritto quando il giallo scandinavo non era di moda! L’autore, scomparso nel 1993, è uno dei miei scrittori preferiti.

Prossimamente altre mini guide!

Advertisements

11 thoughts on “Guida alternativa a Copenaghen: Nørrebro

  1. Great guide! But I must take issue with you saying that Nørrebro is the most hipster part of Copenhagen, Vesterbro really has that part covered. Long live Nørrebro!

  2. Questi tuoi post-guida sono pericolosi, in un periodo come questo in cui ho voglia di viaggi ma so che per un po’ non avrò la possibilità di organizzarne…
    Ma prima o poi verrò anche a Copenhagen e magari andremo a berci un caffè insieme al Laundromat!

    1. Hej Nana! I realized my “translation” widgets were not updated (they were still synced with the old English blog). Now they work, so if you click on “DANSK” under Translate – right column – you will be able to translate the page :) I LOVE to make little guides of Copenhagen, it’s a lot of fun.

  3. Ciao! Sono tornata da Copenhagen domenica e sono molto triste di non avere scovato il tuo blog prima…ho come l’impressione di essermi persa un sacco di posticini interessanti! Noi stavamo in Rantzausgade e abbiamo più che altro girato lì attorno e in Jaegersborggade :(
    Temo che non siamo stati ne’ in Blågårdsgade, o Elmegade o Sankt Hans Torv… Adesso vorrei tornare!

    1. Ciao Linda, grazie per essere passata di qui :) I posti in cui hai girato sono belli comunque…ma forse devi tornare a Copenhagen e scoprire altri posticini a Nørrebro! Un abbraccio, Valeria

  4. Ciao Valeria, complimenti per il tuo blog, è molto interessante e ben fatto.
    Sono molto contenta di quello che dici di Dan Turèll, anche perché sono così fortunata da essere la sua traduttrice in italiano.
    Buon lavoro, la prossima volta che vengo a Copenaghen andrò alla scoperta ti qualcuno dei tuoi posti (non più) segreti. Grazie, Maria Valeria

    1. Ciao Maria Valeria, grazie per il commento e complimenti per l’ottimo lavoro con la traduzione di Dan Turèll! Dovrò procurarmi le altri traduzioni che hai curato. Buona estate e un saluto da Copenaghen, Valeria

Your comment here ✎

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...