Get better / Be good: l’ansia di essere perfetti ha un rimedio

Almeno secondo la ricercatrice Heidi Grant Halvorson. In una presentazione dal titolo “The incredible benefits of a ‘Get better’ mindset” (nel video qui sotto) sostiene che le persone che affrontano la vita tentando costantemente di migliorare e fare progressi – anziché di voler essere perfetti – hanno una maggiore autostima, meno problemi di depressione, meno stress e dimostrano statisticamente un rendimento intellettuale migliore.

La teoria è molto affascinante, e i suoi consigli sono in fondo facili da seguire – basta provare a cambiare mentalità. Partendo anche dalle parole. Se ci proponiamo degli obiettivi – tipica cosa che si fa a inizio anno e poi si abbandona quasi sempre – Halvorson consiglia di usare questi termini: migliorare a…..; fare progressi in….; sviluppare……; diventare…..; crescere.

Così se uno dei nostri obiettivi è “voglio amministrare il mio tempo in modo produttivo” dovremmo riformularlo in “voglio migliorare la mia capacità di amministrare il tempo in modo produttivo.”

Altra cosa interessante è la sua riflessione sul modo in cui le persone tendono a lodare o a criticare. Per favorire nelle persone la mentalità tesa al miglioramento (get better mindset) si dovrebbe criticare o lodare il processo e NON la persona. Dunque criticare o lodare gli sforzi o l’impegno, la strategia, l’attitudine di una persona. Psicologicamente questo metodo crea meno pressione. Il video offre degli spunti di riflessione interessanti, eccolo qui:

Heidi Grant Halvorson: The Incredible Benefits of a “Get Better” Mindset from 99U on Vimeo.

6 thoughts on “Get better / Be good: l’ansia di essere perfetti ha un rimedio

  1. Veramente interessante! Soffermarsi sull’atto e non su chi l ha fatto in effetti ha un effetto meno distruttivo. Io che sono una “critica” nata nei confronti degli altri lo metterò subito in pratica per dimostrare un atteggiamento un po’ più friendly nei confronti di chi mi circonda. Poi lavorerò anche su me stessa, grazie!

  2. Condivido questo atteggiamento perché lo sperimento da anni con le mie figlie ormai adolescenti. Sedici anni fa mio marito ed io abbiamo fatto il corso ‘Genitori efficaci’ basato sul metodo Gordon e oltre ad averci aiutati a creare un ottimo rapporto con le nostre figlie, ci ha permesso anche di migliorare quelli con le persone che ci stanno intorno. I bambini sono molto ricettivi e attenti e quando il nostro dialogo si avvale di accorgimenti semplici, la loro risposta è immediata e positiva!! Grazie Valeria per questo prezioso post! Un abbraccio. Paola

    1. Grazie a te di questo bellissimo commento, sono sempre felice di scoprire cose nuove. Ora vado a dare un’occhiata al metodo Gordon. Complimenti per aver creato un ottimo rapporto con i tuoi famigliari e chi ti sta intorno…al giorno d’oggi sembra una delle cose più difficili. Un abbraccio.

Your comment here ✎

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...