DIY: burrocacao / balsamo labbra fatto in casa

Scroll down for the English version :)

Questo weekend ho sperimentato una ricetta molto semplice per fare il burrocacao (o balsamo labbra). E’ semplicissimo, il risultato e’ ottimo, non ha nessun ingrediente chimico, e costa davvero poco.

Qualche anno fa avevo ordinato un centinaio di contenitori trasparenti per lucidalabbra (costano pochissimo negli States) e finalmente ho avuto tempo di usarli. La ricetta che ho usato ha solo 3 ingredienti! Ho realizzato e stampato le etichette a casa, usando una semplice stampante inkjet.

Ingredienti per circa dieci burrocacao (per farne di più o di meno moltiplicate o dividete le quantità):

– 1/4 tazza olio di mandorle (circa 60 ml – potete usare anche altri oli: avocado, oliva, cocco, etc.)

– 14 grammi di cera d’api

– 6-8 gocce di olio essenziale di menta piperita (o altri oli adatti per le labbra: arancia, lime, mandarino, tea tree)

Sciogli la cera a bagnomaria, aggiungi l’olio di mandorle e mescola. Spegni il fuoco, aggiungi le gocce di olio essenziale e versa nei contenitori per burrocacao. Per semplificare questa operazione e’ meglio scaldare gli ingredienti in un contenitore con beccuccio, in modo che sia più semplice versare il contenuto nei tubi di plastica. In pochissimo tempo il burrocacao sara’ solidificato e pronto per l’uso.

Per stampare le etichette create un’immagine di 4,5 cm x 4,5 cm e usando Word o InDesign impaginate e stampate (normalissimi fogli da etichette vanno bene). La cera d’api protegge le labbra dal freddo e l’olio di mandorle le ammorbidisce, senza l’aggiunta di oli minerali che seccano e irritano inutilmente. Distribuite agli amici o teneteli da parte per i regali di natale – chi non ha bisogno di burrocacao in inverno?

This week I finally made lip balm, after finding the 100 containers I bought on Ebay a while ago. It actually takes so little effort and so little money to make a LOT of lip balm! This is a recipe that makes approx 10 lip balms – you can multiply or divide the quantities to make more or less. I made and printed the labels myself with our inkjet printer using InDesign and Illustrator, but PicMonkey and Word works great too :)

Ingredients:

– 1/4 cup almond oil (or coconut oil, olive oil, avocado oil, whatever natural vegetable oil you like)

– 0.5 oz beeswax

– 6-8 drops essential oil (I used peppermint but you can use any other essential oil that is safe for lips: spearmint, orange, lime, mandarin, tea tree oil)

Melt the beeswax in a double boiler, add the almond oil and stir. Turn off the stove and add the essential oil. Pour in the containers (tricky!!) and let cool and solidify. To make your labels make a 1.8″ x 1.8″ image and repeat it (with Word or InDesign) on a A4, print on label paper. Enjoy and give it to your friends!

Save

Annunci

♥ Simple Japanese fashion style: Liniere magazine リンネル

All’ultimo Sakura Festival di Copenaghen ho avuto la fortuna di trovare un paio di riviste di moda al piccolo mercatino delle pulci giapponese. Non leggo una parola di giapponese eppure non riesco a smettere di sfogliarle e ri-sfogliarle – sono fantastiche!! Entrambe sono copie della rivista di moda e lifestyle Liniere. Mi piace moltissimo sia la moda semplice e naturale presentata, quasi shabby, sia il modo innovativo in cui è strutturata la rivista: così ho deciso di scattare alcune fotografie alle sue pagine. E di parlarvene un pochino :)

Liniere non tratta di altro se non di moda, bellezza e lifestyle e presenta diverse variazioni sul tema “moda comoda, colori neutri e stile naturale“. Dunque uno stile che non è per coloro che amano i colori forti e lo styling sexy.

Non si sono ripetitivi articoli sul sesso, fantasiosi articoli di vita vissuta, test “psicologici”, reportage drammatici intervallati da foto di modelle anoressiche photoshoppate. I servizi con modelle sono alternati con servizi che presentano donne normali usate come modelle. Spesso di età compresa tra i 26 e i 40 anni.  Per un’industria che feticizza la gioventù acerba mi sembra già un traguardo incredibile! Non ho mai visto un uso estensivo di donne “normali” in riviste di moda occidentali, tranne in BUST magazine.

A parte questo adoro lo styling degli abiti concepiti per essere indossati tutti i giorni. La rivista propone moltissime pagine in cui ci sono solo abbinamenti di vestiti/calze e scarpe. Alcune pagine sono divise per giorni della settimana, proponendo diversi outfit da alternare.

Ogni numero include anche un paio di istruzioni di cucito per accessori e capi di vestiario. E non sono tutorial a livello scuola materna da fare tra una manicure e il parrucchiere (del tipo incolla un bottone a uno swarowski) – sono proprio istruzioni di cucito a livello medio, cosa che apprezzo molto. Horray!

E infine la parte lifestyle è fantastica: amo lo stile fotografico pulito e minimalista ma non banale. E le shopping guides con cartine illustrate (qui vedete lo speciale zakka). E le ricette! Decisamente un’ispirazione a livello di grafica e di fotografia still-life.

Anche la parte relativa alla bellezza è presentata in modo creativo e kawaii…

Credo che questa rivista sia molto difficile da trovare in Europa…ci sono comunque alcune blogger americane che hanno scannerizzato alcune copie di Liniere (come questa).

In ogni caso è da secoli che non leggo riviste di moda italiane (o europee in generale, quelle danesi sono tremende, fatte per barbie rivestite di colori pastello e leggins di pelle). Se ne avete qualcuna un po’ diversa da consigliare fatemi sapere!