DIY: Moleskine rivestito di stoffa

Questo è un craft semplicissimo. Se avete sottomano della stoffa di medio spessore, un quaderno tipo moleskine, della colla vinilica e un paio di forbici avete tutto ciò che occorre. E avrete confezionato un quaderno unico…soprattutto se la stoffa che usate ha valore sentimentale o appartiene alla vostra famiglia (vecchie lenzuola della nonna?). In questo caso ho usato una stoffa africana comprata da un parrucchiere afro di Bergamo – 25 euro per 6 metri!

Difficoltà = principianti

Costo = minimo (specie se usate un quaderno non di marca)

Tutorial = ne avevo pubblicato uno tempo fa, eccolo qui. Risale alla preistoria di questo blog quando scrivevo in inglese.

Surrur: Make your Own Marimekko

Marimekko è una delle mie case di moda e di tessuti per la casa preferite. Amo i colori forti e le fantasie pazze che contraddistinguono il marchio finlandese. Dunque non potevo non comprare la mia copia di SURRUR: Make your Own Marimekko, un libro di progetti fai da te (per lo più di cucito) proposti dai designers di Marimekko.

I progetti sono presentati in un collage ben riuscito di consigli, fotografie e frammenti di interviste sul processo creativo dei designer che hanno ideato le coloratissime creazioni: Maija Louekari, Erja Hirvi, Sami Ruotsalainen, Mika Piirainen, Pia Holm, Tuula Poyhonen e Aino-Maija Metsola. Il libro include i cartamodelli! I progetti includono totem a civetta per spaventare i conigli, copri-auto, giacca a vento per isolarsi dal mondo, il vestito da 1 minuto, moltissimi pupazzi per bambini, gioielli di stoffa, sciarpe e molto altro.

Se siete fan di Marimekko ve lo consiglio assolutamente. In caso ve lo chiediate, SURRUR è il rumore della macchina da cucire.

SURRUR – Make your Own Marimekko is a project book by Mari Savio and Kati Rapia, and features craft ideas, sewing patterns, gorgeous illustrations and interviews with Marimekko designers. I bought it at the Marimekko concept store. If you are a fan of the Finnish brand or simply of bold colors and crazy craft ideas this book is for you! (SURRUR is the noise made by the sewing machine)

DIY: burrocacao / balsamo labbra fatto in casa

Scroll down for the English version :)

Questo weekend ho sperimentato una ricetta molto semplice per fare il burrocacao (o balsamo labbra). E’ semplicissimo, il risultato e’ ottimo, non ha nessun ingrediente chimico, e costa davvero poco.

Qualche anno fa avevo ordinato un centinaio di contenitori trasparenti per lucidalabbra (costano pochissimo negli States) e finalmente ho avuto tempo di usarli. La ricetta che ho usato ha solo 3 ingredienti! Ho realizzato e stampato le etichette a casa, usando una semplice stampante inkjet.

Ingredienti per circa dieci burrocacao (per farne di più o di meno moltiplicate o dividete le quantità):

– 1/4 tazza olio di mandorle (circa 60 ml – potete usare anche altri oli: avocado, oliva, cocco, etc.)

– 14 grammi di cera d’api

– 6-8 gocce di olio essenziale di menta piperita (o altri oli adatti per le labbra: arancia, lime, mandarino, tea tree)

Sciogli la cera a bagnomaria, aggiungi l’olio di mandorle e mescola. Spegni il fuoco, aggiungi le gocce di olio essenziale e versa nei contenitori per burrocacao. Per semplificare questa operazione e’ meglio scaldare gli ingredienti in un contenitore con beccuccio, in modo che sia più semplice versare il contenuto nei tubi di plastica. In pochissimo tempo il burrocacao sara’ solidificato e pronto per l’uso.

Per stampare le etichette create un’immagine di 4,5 cm x 4,5 cm e usando Word o InDesign impaginate e stampate (normalissimi fogli da etichette vanno bene). La cera d’api protegge le labbra dal freddo e l’olio di mandorle le ammorbidisce, senza l’aggiunta di oli minerali che seccano e irritano inutilmente. Distribuite agli amici o teneteli da parte per i regali di natale – chi non ha bisogno di burrocacao in inverno?

This week I finally made lip balm, after finding the 100 containers I bought on Ebay a while ago. It actually takes so little effort and so little money to make a LOT of lip balm! This is a recipe that makes approx 10 lip balms – you can multiply or divide the quantities to make more or less. I made and printed the labels myself with our inkjet printer using InDesign and Illustrator, but PicMonkey and Word works great too :)

Ingredients:

– 1/4 cup almond oil (or coconut oil, olive oil, avocado oil, whatever natural vegetable oil you like)

– 0.5 oz beeswax

– 6-8 drops essential oil (I used peppermint but you can use any other essential oil that is safe for lips: spearmint, orange, lime, mandarin, tea tree oil)

Melt the beeswax in a double boiler, add the almond oil and stir. Turn off the stove and add the essential oil. Pour in the containers (tricky!!) and let cool and solidify. To make your labels make a 1.8″ x 1.8″ image and repeat it (with Word or InDesign) on a A4, print on label paper. Enjoy and give it to your friends!

Save

DIY: bustine alla lavanda + ricami

Hello! Scroll down for the English version :)

Dopo le vacanze eccoci di ritorno, questa volta con l’ammirevole proposito di riprovare a scrivere il blog in versione bilingue. Italiano e inglese, il danese ormai lo pratico abbastanza al lavoro, e non voglio massacrarlo oltre.

Le bustine profumate alla lavanda sono una delle cose più rapide da realizzare, in questo caso ho utilizzato scarti di stoffe per il retro, e cotone ecologico molto sottile per il davanti. Ho ricamato gli animali con del semplice filo da ricamo, e ho riempito le bustine di fiori di lavanda secca. Voila’!

lavender lavender 2 lavender 3 lavender 4

Chasing Hygge is back after a very long holiday hiatus. Trying to post in both Italian and English, so hopefully everybody is happy :) 

Today I am just showing a very basic, very fast DIY – small hand-embroidered lavender bags. I made them with organic white cotton (front) and small fabric scraps (on the back of the little creatures). They are filled with dry, fragrant lavender flowers, and they are quite fun to make when you are bored.

See ya soon!

DIY: un gatto e il suo tutù

Questo pupazzetto dalla forma molto semplice (come notate è sprovvisto di braccia) l’ho realizzato piuttosto velocemente lo scorso dicembre, per un regalo. Non avevo mai cucito il tulle e devo dire che non è molto semplice, soprattutto se è rosa e se le dimensioni del capo da confezionare sono così minute. La gonnellina si può togliere e mettere, e i dettagli della faccia (o dovrei dire il muso) sono ricamati.

Avrei voluto postarlo un paio di settimane fa ma il mio iPhone ha deciso di non funzionare più, da un giorno all’altro. Quindi è stato spedito (con tutte le sue foto) ad un centro di assistenza Apple in Germania, e ieri mi è stato consegnato un iPhone nuovo. Ho recuperato tutte le mie app e i miei dati grazie al backup e ora finalmente ecco il gatto col tutù!

P.S. in sostituzione del melafonino, durante la riparazione, mi hanno dato uno smartphone della Huawei, credo il modello più economico. Ci credete che ho caricato la batteria DUE VOLTE in 9 giorni?

P.S. 2 sto tentando di migliorare le mie doti dattilografiche (non riesco a scrivere usando il vero metodo professionale, il che mi fa perdere un sacco di tempo!), per caso avete consigli per siti o tecniche? Quasi tutti gli americani che conosco imparano la dattilografia a scuola e scrivono rapidissimi.

DIY: custodia per e-reader. Tutorial step by step

Eccomi di ritorno, questo blog è ancora vivo e vegeto…Prima di tutto buon anno a tutti! Inauguro il 2014 con una nuova custodia per il mio e-reader. Ammetto di averlo comprato un anno fa e di averlo usato solo una volta….è dura. Preferisco leggere i libri in formato cartaceo ma stiamo esaurendo lo spazio in casa.

Questa custodia in stoffa è un progetto molto rapido. Il mio e-reader è un Kobo. Non sono un’amante dei Kindle perché amo gli e-reader che supportano i formati open, e il Kobo è tra questi.

Se volete creare una custodia per il vostro lettore potete scegliere se aggiungere un po’ di materiale protettivo all’interno (come ho fatto io) oppure semplicemente scegliere una stoffa grossa – magari di quelle per ricoprire i divani – e non complicarvi la vita con la fodera e il materiale protettivo. Questo tutorial è per coloro che vogliono seguire la seconda opzione, meno complessa.

Vi serve: 1) stoffa, 2) una cerniera lunga circa 4 cm in più della larghezza dell’e-reader, una macchina da cucire (o ago e filo).

Per prima cosa disegnate il vostro cartamodello! Prendete il vostro e-reader e mettetelo su un pezzo di carta (un foglio A4 va benissimo). Disegnate i contorni del lettore sul foglio e poi aggiungete le misure illustrate qui sopra, con matita e righello, disegnando un rettangolo più grande. Questo sarà il modello che userete per tagliare la stoffa.

Poi è il momento di cucire la zipper ai due rettangoli di stoffa, uno alla volta:

Cucite la zipper e ripetete l’operazione illustrata qui sopra con l’altro rettangolo di stoffa.

Et voilà. Ho cucito una seconda custodia per il Kindle di una mia amica che parte oggi per il Sudamerica, dove passerà almeno nove mesi a fare ricerca. Eccone un dettaglio (come vedete questo ha la fodera):

A presto e buona settimana.

Save

DIY: stampini per Natale

Settimana scorsa ho creato due nuovi stampi per Natale, da usare per decorare carta da regalo, stoffa o biglietti di auguri. E’ un procedimento molto semplice, ma occorrono dei mini scalpelli (o sgorbie) per intagliare il materiale con cui volete realizzare gli stampini. Le immagini del cavallo e della renna le ho fotocopiate da un libro di ricamo giapponese e riportate sul materiale da intagliare.

Qui sopra vedete un blocco di linoleum (più scuro) e un blocco in vinile (rosa). Sia gli scalpelli che i blocchi sono stati acquistati negli States, ma la marca è reperibile facilmente su internet – si chiama Speedball. E’ la mia preferita, ve la consiglio. Se volete provare a fare stampi e timbri date un’occhiata a questo bellissimo tutorial in italiano.

Sicuramente farò altri stampini questo weekend!

Crafts dallo spazio…chi partecipa?

source: NASA
source: NASA

L’astronauta americana Karen Nyberg, in missione spaziale sull’International Space Station, è una grande appassionata del cucito…e si è portata il lavoro in orbita! Karen sta lavorando ad un quilt, e invita tutti quanti a partecipare:

“I’m inviting all of you to create your own star-themed quilt block. We’ll be combining them with my block to create a quilt for next year’s 40th anniversary International Quilt Festival in Houston. I can’t wait to see what we make together.” (dalla pagina FB dell’astronauta)

Trovo che sia un’idea fantastica. Probabilmente Karen ha cucito il primo quilt spaziale – a meno che qualche altro astronauta abbia avuto lo stesso hobby!